Post in evidenza

Il cartone animato per bambini più bello del mondo

Sicuramente è uno dei più bei cartoni animati per bambini del mondo. PRESENTAZIONE DI SKINNY E DEL SUO MONDO Skinny è un piccolo del...

2012-01-31

/*-*\ Ma i sondaggi sono veri o no ?





Secondo voi che valenza hanno i sondaggi ?, io mi sono fatto una mia idea, secondo me gli istituti che li realizzano mettono i dati a caso facendo opportuni calcoli , guardate questi due sondaggi con la stessa domanda fatti ad appena una settimana di distanza e realizzati dalla stessa azienda, la SWG
la domanda era
Domanda : ORA LE ELENCHERO’ DELLE POSSIBILI COALIZIONI PER LE PROSSIME ELEZIONI POLITICHE, PER QUALE DELLE SEGUENTI COALIZIONI POTREBBE VOTARE PER LA CAMERA DEI DEPUTATI? .

il 23 gennaio questi erano i risultati


La coalizione di sinistra, composta da Italia dei Valori, Sinistra, Ecologia e Libertà, Verdi, Rifondazione e comunisti italiani (16.2%)
La coalizione guidata da Monti, composta da PD, Popolo della LIbertà, Psi e Terzo Polo (55.1%)
La Lega Nord (14.4%)
Il movimento cinque stelle di Grillo (7.3%)
Altre liste (7.0%)

il 30 gennaio questi erano i risultati







La coalizione di sinistra, composta da Italia dei Valori, Sinistra, Ecologia e Libertà, Verdi, Rifondazione e comunisti italiani (19.4%)

La coalizione guidata da Monti, composta da PD, Popolo della LIbertà, Psi e Terzo Polo (52.8%)

La Lega Nord (13.1%)
Il movimento cinque stelle di Grillo (5.7%)
Altre liste (9.0%)
Indecisi sul voto (16,0%)
Scheda bianca (1,4%)
Affluenza (67,8%)

ma secondo voi, e' possibile che il movimento 5 stelle , che come sapete e' sicuramente votato da persone piu' che convinte del programma, passi da 7,3% a 5,7% in 7 giorni?
A chi fa paura tenerlo a oltre il 7% ?
dimenticavo, io non voto per le 5 stelle..... e quindi non propaganda per loro.

2012-01-29

/*-*\ Alfabeto egiziano antico

Tipi di scrittura
Durante la loro lunga storia  gli antichi Egizi usarono tre  differenti tipi di scrittura: geroglifica, ieratica e, dalla XXV dinastia, demotica.

alfabeto egiziano antico



La scrittura geroglifica è la base delle altre due e deve il suo nome al fatto che quando i Greci arrivarono in Egitto, questa scrittura era molto usata per le "sacre" (in greco hieros ) "iscrizioni" (gliphos) nei templi e nei monumenti. Essa usa i segni per esprimere nello stesso tempo idee e suoni e fu usato fino al 396 a.C. Ultimo esempio si ha nel tempio di File.
La scrittura ieratica è vecchia come la geroglifica ma è più corsiva ed è come un veloce segno fatto a mano con una cannuccia. Spesso nello scritto, lo scriba tralasciava dei dettagli, ciò rendeva i segni differenti gli uni dagli altri. Fu chiamato così dai greci poichè essa era usata prevalentemente dai religiosi (hieratikos ).



Prima dell'avvento del demotico fu usata anche per testi amministrativi e privati.
La scrittura demotica fu usata a partire dalla XXV dinastia (demotikos=popolare) e in parte è un'evoluzione della scrittura ieratica; era anch'essa scritta a mano e il tratto della cannuccia era molto veloce e spesso illeggibile. Rappresentano un gruppo di geroglifici fatti a "pezzi" ed era molto usato nei testi amministrativi.

2012-01-27

/*-*\ Ora le barzellette e vignette sono su MONTI



















2012-01-26

/*-*\ Ciro, il dinosauro italiano


Il dinosauro denominato Scipionyx Samniticus, dal luogo in cui è stato ritrovato in provincia di Benevento, è il primo ritrovamento di fossile perfettamente conservato in Italia; fino alla sua scoperta nella nostra penisola erano state ritrovate solo impronte di animali preistorici e il ritrovamento fossile di Pietraroja è tra i pochi reperti al mondo in cui siano visibili oltre alla struttura ossea le parti molli come l'intestino, la trachea, gli occhi e alcune fasce di tessuti muscolari. Il piccolo dinosauro e’ stato soprannominato CIRO
Il ritrovamento a Pietraroja in provincia di Benevento risale agli anni 70, un appassionato di paleontologia ritrovò il fossile nella parte orientale dell'altopiano del Matese a oltre 850 metri di altezza sul livello del mare.
In un primo momento non venne identificato come un fossile di dinosauro e solo nel 1993, dopo che lo scopritore venne in contatto con gli studiosi del Museo delle Scienze naturali di Milano, si ebbe la notizia che quei resti fossili appartenevano ad un dinosauro nato da un paio di settimane e vissuto nell'era Mesozoica, circa 110 milioni di anni fa.
Secondo l'opinione di molti studiosi il piccolo dinosauro fu travolto da un'alluvione, il suo corpo si depositò sul fondo di una laguna e venne ricoperto da sedimenti che innescando un lento processo di pietrificazione ne hanno mantenuto intatta la struttura corporea per oltre 100 milioni di anni;
bisogna immaginare che nel Cretaceo inferiore il sud dell'Italia presentava gruppi di isole ed un ambiente lagunare caratterizzato da un clima equatoriale, solo milioni di anni dopo gli strati calcarei che caratterizzano il massiccio dei monti del Matese sarebbero emersi dalle acque.





Il fossile ritrovato misura poco più di trenta centimetri, come abbiamo già detto al momento della sua morte aveva poche settimane di vita e da adulto avrebbe raggiunto le dimensioni di tre o quattro metri. Scipionyx Samnitucus assomiglia moltissimo alla famiglia dei Velociraptor, una razza di carnivori molto evoluta la cui presenza in questa area della regione Campania dimostra, qualora ve ne fosse bisogno, che nell'era Mesozoica c'erano scambi e passaggi tra il continente africano e quello europeo.

2012-01-25

/*-*\ IKEA non paga le tasse, la sindrome del GENIO DA VINCI


La sindrome del GENIO DA VINCI e' l'inizio delle bufale su internet, qualcuno scrive un articolo senza curarne bene la fonte, chi lo legge rimane cosi' attratto da quello che sta scritto, vuoi perche' gli sta antipatico il soggetto , vuoi per altri motivi , che immediatamente lo copia incolla sul proprio blog e lo diffonde.
Una delle bufale di cui e' pieno internet riguarda il presunto non pagamento dell'IVA da parte di IKEA e di altre multinazionali, riportiamo l'articolo come scritto in centinaia di siti


In base ad una legge , la numero 311/2004 articolo 1 comma 429 le grandi multinazionali come appunto Ikea, Auchan, Carrefour etc. etc. etc. con sedi in paradisi fiscali, pagano le tasse dove hanno la loro sede legale. Il bottegaio, parliamoci chiaro “U’ Putekar’” o “A’ Putec’” se non batte lo scontrino fiscale becca un verbale che arriva anche a mille euro. STA’ BENE’ ovviamente a chi non ha tale problema visto che ha le mani in pasta alle multinazionali O ha sedi legali dei suoi affari in paesi che non tassano!!!

Probabilmente non te ne sei mai accorto, ma lo scontrino che ti è stato dato all’atto di pagamento presso un ipermercato o presso un negozio appartenente ad una multinazionale, è NON fiscale. Cioè? Cosa significa? Te lo spiego subito. Gli azionisti proprietari delle multinazionali hanno tutti la residenza in paradisi fiscali che NON pagano tasse e usando la legislazione (nazionali e internazionali) particolarmente favorevole riservata alle aziende multinazionali, NON pagano tasse in nessuno dei paesi in cui operano. Naturalmente i nostri dipendenti al governo sanno bene questa cosa e, visto che i loro lauti stipendi NON sono pagati dalle multinazionali, dovevano trovare altri “polli” da spennare. Presto fatto! Con la legge finanziaria del 2004 , si è introdotto nella legge finanziaria alcuni commi scritti apposta per:





1 –Liberare definitivamente le società multinazionali della scocciatura di dover emettere scontrini fiscali
2 –Incassare giornalmente l’obolo che i nostri dipendenti destinano al pagamento dei propri stipendi.
Non hai capito bene, vero? L’obolo che versiamo ai nostri dipendenti è l’IVA, che versiamo noi, NON le multinazionali, che trattengono per sè il 100% degli utili! Infatti la normativa prevede che giornalmente venga comunicato l’incasso ai fini IVA, che è l’unica cosa che interessa ai nostri dipendenti. Hai capito perchè i piccoli negozianti sono destinati a chiudere? Perchè i nostri dipendenti hanno scelto di delegare le grandi multinazionali a fare da esattore al posto loro e loro, in cambio, NON pagano tasse.
P.S.: I GIORNALI E LE TELEVISIONI NON PUBBLICHERANNO MAI QUESTA NOTIZIA…



l'art.1 c.429 L.311/2004 che parla che ci sia scritto "non fiscale" sugli scontrini è solo per via del fatto che si attua la trasmissione telematica dei dati fiscali, cioè queste grandi aziende trasmettono ogni giorno i lori incassi in via telematica , quindi non solo pagano l'iva ma la pagano e dichiarono in tempo reale.Siamo già in un brutto periodo, non creiamo inutili allarmismi, per favore.

/*-*\ Dedicato a chi davvero dedica la propria vita per gli altri

Dott. Morino Gianfranco
Il Premio "Cuore amico"  viene assegnato al dott. Gianfranco Morino, un medico che presta la sua opera in Kenya.
Scegliere non è stato facile, dato che le segnalazioni che ci sono pervenute sono degne della massima attenzione e nessuno dei missionari ha qualche intenzione o attesa di essere sotto lo sguardo dell'opinione pubblica. Ovviamente i prescelti non possono che essere un'indicazione tra tante, lungi da noi formulare una classifica meritocratica - sottolineano i promotori del Premio giunto alla XVma edizione. L'obiettivo del Premio Cuore Amico, "Nobel missionario", è segnalare, attraverso figure esemplari di missionari cattolici e laici , l'opera promossa dalla Chiesa attraverso l'evangelizzazione e a favore dei poveri del Sud del mondo.

Il dott. Gianfranco Morino, vive dal 1986 a Nairobi con la moglie Marcella e quattro figli ed è l'unico medico italiano a lavorare in un ospedale pubblico kenyano. La sua è una carriera molto singolare: laureatosi in medicina a Pavia, ha svolto un'esperienza di servizio civile in Kenya, ha poi operato in aree rurali al confine con l'Etiopia ed ora, oltre che in ospedale, é presente in due baraccopoli di Nairobi (Mathare e Korogocho).



La sua attività si svolge principalmente sul versante della lotta all'Aids con un approccio integrato: educazione nelle scuole, individuazione dei pazienti attraverso ambulatori gratuiti e cura negli ospedali pubblici, formazione del personale sanitari. Nell'ospedale dei poveri di Mbgadi la sua piccola associazione World Friends assicura chirurgie e farmaci antiretrovirali a malati piccoli e grandi.


"Vivo in Africa e da questo mio osservatorio privilegiato sono stato e sono testimone di tragedie e di emergenze umanitarie ormai diventate croniche. Gli aiuti d'emergenza sono sicuramente necessari per alleviare le sofferenze delle popolazioni - nota il dott. Morino - ma deve essere ben certo che sono sintomo di un fallimento". Pacatamente il dottore denuncia che "l'Africa si sta disintegrando sotto i nostri occhi, depredata del sottosuolo e delle foreste, distrutta dall'Aids, strangolata dal debito e dai banditi ai governi, ulteriormente impoverita dalla fuga dei suoi cervelli migliori".





E pone una domanda: "Noi piccoli e grandi lavoratori della cooperazione dovremmo farci onestamente una domanda: siamo parte del problema o parte della soluzione? Dobbiamo capovolgere la prospettiva con la nostra testa al Sud! E tra cinismo e rassegnazione credere che sia possibile trovare una via di mezzo, una speranza che riassuma professionalità e motivazione, obiettività e rispetto, cultura ed esperienza. Mi viene alla mente il concetto di generosità così originalmente espresso dal grande sociologo svizzero J. Ziegler: La generosità é contemporaneamente l'emozione generata dal sentimento di rivolta davanti all'oppressione e il desiderio di un mondo migliore" - conclude il medico.

2012-01-24

/*-*\ Le citazioni sempre attuali di Nelson Mandela



Niente come tornare in un luogo rimasto immutato ci fa scoprire quanto siamo cambiati


Per gli uomini , la liberta’ nella propria terra e’ l’apice delle proprie aspirazioni

Piu’ potente della paura del l’inumana vita della prigione e’ la rabbia per le terribili condizioni nelle quali il mio popolo e’ soggetto fuori dalle prigioni

Non vi e’ alcuna strada facile per la liberta’

Non c’e’ niente di piu’ incoraggiante per un detenuto politico del sapere che la sua vita non e’ andata sprecata invano.

Unitevi ! Mobilitatevi ! Lottate ! tra l’incudine delle azioni di massa ed il martello della lotta armata dobbiamo annientare l’apartheid

Un vincitore e’ semplicemente un sognatore che non si e’ mai arreso

Figlio di un capo della tribù Thembu (e quindi, secondo il sistema di caste tribali vigente in Africa, di origini aristocratiche), Nelson Rolihlahla Mandela nasce il 18 luglio 1918. Dopo aver seguito gli studi nelle scuole sudafricane per studenti neri conseguendo la laurea in giurisprudenza, nel 1944 entra nella politica attiva diventando membro dell'ANC (African National Congress) guidando per anni campagne pacifiche contro il cosiddetto "Apartheid", ossia quel regime politico che favorisce, anche sul piano legale e giuridico, la segregazione dei negri rispetto ai bianchi.



Nel giugno 2004, all'età di 85 anni, ha annunciato il suo ritiro dalla vita pubblica per passare il maggior tempo possibile con la sua famiglia.
Il 23 luglio dello stesso anno, con una cerimonia tenutasi a Orlando (Soweto), la città di Johannesburg gli ha conferito la più alta onorificenza cittadina, il "Freedom of the City", una sorta di consegna delle chiavi della città.

/*-*\ Io ho un sogno ! I have a dream


discorso pronunciato da Martin Luther King a Washington, 28 agosto 1963

Sono felice di unirmi a voi in questa che passerà alla storia come la più grande dimostrazione per la libertà nella storia del nostro paese. Cento anni fa un grande americano, alla cui ombra ci leviamo oggi, firmò il Proclama sull’Emancipazione. Questo fondamentale decreto venne come un grande faro di speranza per milioni di schiavi negri che erano stati bruciati sul fuoco dell’avida ingiustizia. Venne come un’alba radiosa a porre termine alla lunga notte della cattività.

Il 1963 non è una fine, ma un inizio. E coloro che sperano che i negri abbiano bisogno di sfogare un poco le loro tensioni e poi se ne staranno appagati, avranno un rude risveglio, se il paese riprenderà a funzionare come se niente fosse successo.

E perciò, amici miei, vi dico che, anche se dovrete affrontare le asperità di oggi e di domani, io ho sempre davanti a me un sogno. E’ un sogno profondamente radicato nel sogno americano, che un giorno questa nazione si leverà in piedi e vivrà fino in fondo il senso delle sue convinzioni: noi riteniamo ovvia questa verità, che tutti gli uomini sono creati uguali.

Io ho davanti a me un sogno, che un giorno sulle rosse colline della Georgia i figli di coloro che un tempo furono schiavi e i figli di coloro che un tempo possedettero schiavi, sapranno sedere insieme al tavolo della fratellanza.

Io ho davanti a me un sogno, che un giorno perfino lo stato del Mississippi, uno stato colmo dell’arroganza dell’ingiustizia, colmo dell’arroganza dell’oppressione, si trasformerà in un’oasi di libertà e giustizia.






Io ho davanti a me un sogno, che i miei quattro figli piccoli vivranno un giorno in una nazione nella quale non saranno giudicati per il colore della loro pelle, ma per le qualità del loro carattere. Ho davanti a me un sogno, oggi!.

Io ho davanti a me un sogno, che un giorno ogni valle sarà esaltata, ogni collina e ogni montagna saranno umiliate, i luoghi scabri saranno fatti piani e i luoghi tortuosi raddrizzati e la gloria del Signore si mostrerà e tutti gli essere viventi, insieme, la vedranno. E’ questa la nostra speranza. Questa è la fede con la quale io mi avvio verso il Sud.

Martin Luther King e’ nato al Atlanta il 15 gennaio del 1929 ed e’ morto a Menphis il 4 aprile 1968, e’ stato un politico e leader dei diritti civili degli americani di colore , la sua figura e’ stata accostata a quella di Gandhi e Richard Gregg, primo americano a teorizzare in modo organico la lotta non violenta.

2012-01-23

/*-*\ Sperando che non ci sia mai una terza bomba atomica


Come tutti sanno , le bombe atomiche usate in guerra sono state solo due, tutte e due sul giappone, la sofferenza e le centinaia di migliaia di morti di questa nazione hanno fatto capire al mondo intero che se ci sara' la terza esplosione nucleare , l'umanita' avra' messo la parola fine.
In seguito alle esplosioni nucleari del 1945, sono stati descritti effetti immediati ed effetti a medio-lungo termine.
La tipologia di malattie che sono state maggiormente valutate sono le malattie tumorali. Questo deriva dal fatto che l'effetto biologico sulle cellule delle radiazioni ionizzanti si manifesta essenzialmente con lesioni al patrimonio genetico.
Effetti immediati:
Prima dell'esplosione della bomba atomica, nel 1945, Hiroshima contava 250.000 abitanti. 45.000 persone sono morte il giorno stesso dell'esplosione, ulteriori 19.000 entro 4 settimane dalla stessa (la maggior parte di queste ultime per una sindrome da irradiazione acuta). I numeri relativi all'esplosione avvenuta tre giorni dopo a Nagasaki sono i seguenti: 174.000 erano gli abitanti, 22.000 le persone morte nell'esplosione e 17 mila quelle decedute nelle successive quattro settimane.
Effetti a medio-lungo termine:
Lo studio LSS (Life Span Study), che è iniziato nei primi giorni del dopoguerra e che continua tuttora, ha seguito 86.572 soggetti sopravvissuti all'esplosione. La maggior parte di esse è stata esposta ad alte dosi di radiazioni (si stima che 52.200 di questi sia stato esposto ad una dose media di 260 mSv. Per confronto, la dose media annua alla quale siamo esposti noi, dalla radiazione naturale, è di 3 mSv).
Il tipo di neoplasia secondario all'esposizione che esordisce per primo è la leucemia. Dei 52.200 significativamente esposti, 176 sono deceduti per leucemia negli anni 1950-1990: 86 di questi casi sono direttamente attribuibili all'esposizione. Il rischio relativo di mortalità per leucemia è pari a 2.37 (esposti a dose di 1Gy / controlli).
I tumori maligni solidi si sviluppano, di solito, più tardivamente. 4.863 soggetti appartenenti alla corte dei fortemente esposti sono deceduti per neoplasie non-leucemiche (carcinomi mammari, polmonari, intestinali, tumori maligni della vescica, epatici, ovarici e mieloma multiplo). I rischi relativi di mortalità per tali patologie variano considerevolmente in relazione a diversi fattori, tra cui la dose di esposizione e l'età al momento dell'esposizione. Tumori benigni (mioma uterino, neoplasie benigne tiroidee, gastriche ed ovariche) sembrano avere un'incidenza e una prevalenza, nel gruppo degli esposti, superiore rispetto ai controlli. Sono, comunque, necessari ulteriori studi per confermare tali osservazioni.




Anche per le patologie non neoplastiche (malattie cardiovascolari come l'infarto del miocardio, ictus, ipertensione sistolica isolata e calcificazione dell'arco aortico) è stato registrato un lieve aumento di rischio in soggetti esposti ad alte dosi. Altre patologie non tumorali che ricorrono più frequentemente nella popolazione esposta sono l'iperparatiroidismo, l'epatite cronica e la cirrosi epatica. La mortalità per patologie non tumorali negli esposti è comunque inferiore rispetto ai non esposti.
È stato valutato, inoltre, l'effetto dell'esposizione prenatale. Tra i soggetti esposti in utero all'esplosione ricorrono più frequentemente (fino a 3.9 volte rispetto ai non esposti) soprattutto le neoplasie dell'adulto (a distanza di 40 e più anni), mentre i tumori tipici dell'età infantile sono stati osservati solamente in 2 casi. Gli studi effettuati a tale proposito hanno concluso che il rischio di patologie tumorali è più alto nei soggetti esposti prima di essere nati, rispetto a quelli esposti durante la vita postnatale. Sembra esservi una correlazione lineare tra la dose di esposizione tra la ottava e la quindicesima settimana di gestazione e i danni cerebrali (valutato in base alla presenza di ritardo mentale). Il rischio calcolato è pari a 40% per 1 Gy di dose di esposizione.

2012-01-22

/*-*\ Almeno in qualcosa di positivo l'italia è ai primi posti del mondo


Il pene è una struttura cilindrica totalmente avvolta da cute costituita da una radice, che si trova compresa nel perineo, e di un corpo, che sporge pendulo all'esterno anteriore alla sinfisi pubica e allo scroto. La cute del pene è sottile e pigmentata, tanto da essere leggermente più scura del resto della cute del corpo, essa lo avvolge e lo ricopre formando a livello della corona del glande il prepuzio che ricopre il glande e mostra una struttura corrugata e pieghettata a livello del suo apice. Il prepuzio può non coprire completamente il glande. Lo strato cutaneo interno del prepuzio, di colore più chiaro (rosato) si fonde con la corona del glande. Posteriormente al corpo del pene una piega cutanea mediana dello strato cutaneo interno del prepuzio, il frenulo, si continua inferiormente con il rafe mediano della borsa scrotale sino nel perineo e di norma si rende sempre meno distinguibile, mentre superiormente è ben distinguibile e si attacca al glande terminando a livello dell'orifizio uretrale. A suoi lati è fiancheggiato da due lievi depressioni e al suo interno contiene una piccola arteria. Il glande è una struttura bulbare semiconica ricoperta dal prepuzio. La sua cute può andare dal rosato al violaceo, è piuttosto liscia e sulla faccia uretrale del pene è perforata dall'uretra che sbocca tramite l'orifizio uretrale, di forma ovale schiacciata e allungata. La cute del pene, sottile e lassa, è pigmentata come quella dello strato cutaneo esterno del prepuzio, vi si distinguono facilmente le vene dorsali superficiali del pene.


 Al di sotto della cute la fascia superficiale del pene (dartos) lo ricopre, si tratta di uno strato di tessuto connettivo lasso in cui si infiltrano fibre muscolari del muscolo dartos. Sotto la fascia superficiale i corpi cavernosi e lo spongioso sono avvolti dalla fascia profonda di Buck, di tessuto connettivo denso che si fonde con i rivestimenti dei tre corpi. Il pene è sostenuto dal legamento fundiforme, una struttura fibrosa ricca di elastina derivante dall'ultimo tratto della linea alba e costituita da due foglietti che decorrono ai lati e sotto il pene dove si fondono e dal legamento sospensore triangolare che origina dai legamenti della sinfisi pubica e si inserisce lateralmente alla fascia superficiale del pene.

/*-*\ Il pane che mangiamo viene dalla terra di Dracula


Proprio cosi' , il 25% del pane venduto nei supermercati del nord e centro Italia, proviene dalla Romania. Viaggia ogni giorno su Tir frigoriferi , oppure in aereo scaricando in friuli e veneto, altro pane attraversa l'adriatico per andare al centro o sud italia. Nella Transilvania, ci sono centinaia di piccoli panifici , spesso a livello familiare che non stanno tanto a guardare il livello di igiene e per risparmiare usano farine molto economiche , se non bastasse, nei forni bruciano di tutto .

Si va dal normale legno che si trova  nelle foreste molto numerose nei dintorni , a legni di dubbia provenienza , scarti di bare, materiale industriale e finanche copertoni usati. E' chiaro che il costo di produzione diventa molto basso, all'ordine dei 50 centesimi per kilogrammo mentre poi viene venduto a circa 3 euro e mezzo nella provincia di Venezia e a 3 euro a Bologna. Questo pane viene cotto a circa 210 gradi e poi di colpo raffreddato a meno 25 , in questo modo viene surgelato e ha una durata di scadenza di circa 2 anni. Il problema per i nostri panifici ( che ovviamente dovendo seguire regole ben precise per quanto riguarda igiene e controlli  hanno prezzi di produzione molto piu' alti ) e' che queste importazioni da paesi comunitari, la Romania e' nella comunita' europea, sono perfettamente conformi alle leggi .




 Ovviamente i nostri supermercati non specificano che il pane viene dalla Romania , anzi finche' l'Europa non imporra' l'obbligo di indicare la provenienza del prodotto in etichetta, chi fa arrivare pane da fuori puo' semplicemente scrivere sulla confezione un generico " SFORNATO E CONFEZIONATO IN QUESTO PUNTO VENDITA " , il che e' parzialmente vero in quanto il pane surgelato ritorna in vita dolce e croccante con otto minuti a 210 gradi. Nessuno ne parla , non fa comodo a grandi centri commerciali far sapere che si fanno arrivare il pane dalla Romania, lo pagano il pane 60 centesimo al kilo e lo vendono a 3 euro e mezzo....

2012-01-20

/*-*\ Rifiuta il premio da un milione di dollari

Grigorij Perelman 
Non voglio essere uno scienziato da vetrina e troppi soldi in Russia generano solo violenza. Questa la motivazione con cui Grigorij Perelman , un matematico russo che vive con la madre alla periferia di San Pietroburgo ha rifiutato un premio di un milione di dollari.
Il premio glielo aveva attribuito il Clay Mathematics Institute perché era riuscito un’impresa quasi impossibile, ossia la dimostrazione della Congettura di Poincaré, uno dei 7 Problemi del Millennio.
Grigorij Perelman ha 49 anni  ( e' nato a San Pietroburgo il 13 giugno 1966 )  e fin da bambino è stato un genio della matematica. Aveva rifiutato una borsa di studio negli Stati Uniti, si era laureato a Leningrado (ora San Pietroburgo) ed era poi stato chiamato in diverse università americane.
 Era tornato in Russia negli anni ‘90 per lavorare al prestigioso Istituto Steklov di Matematica di San Pietroburgo.
Nel 2000 a Parigi l’Istituto matematico Clay aveva proclamato i 7 Problemi del Millennio: in palio un milione di dollari per ogni soluzione, Fra questi vi era anche la Congettura di Poincaré, dal nome del matematico francese che l’aveva proposta nel 1904.





Nel 2002 il matematico russo aveva scritto un articolo che si era dimostrato risolutivo nella dimostrazione della Congettura ed era definitivamente diventato una celebrità fra i matematici in tutto il mondo.

Dal 2006, Perelman – che oggi non ha più un lavoro, non ha amici, evita giornalisti e fotografi e se ne va in giro come un barbone – aveva rifiutato la Medaglia Fields, il premio Nobel dei matematici, dicendo che “ la questione di un premio è senza importanza. Se la soluzione è quella giusta, non c’è bisogno di un altro riconoscimento.”
Una rara foto di Grigorij Perelman ripreso in metropolitana
I comunisti russi gli hanno chiesto ufficialmente in quanto «uomo sovietico, successore di Landau e Joffe» di accettare il milione di dollari di premio

La portavoce del Kprf, Veronica Klinovitskaya, ha spiegato testualmente: «Non possiamo lasciare un milione di dollari in Occidente, dove il denaro potrebbe andare alla ricerca militare, per creare bombe». Piuttosto bisogna reinvestirlo in Russia: 50 mila dollari per restaurare il Mausoleo di Lenin a Mosca. E il resto per «cominciare a costruire una cittadella della scienza a Petrodvorets», fuori Pietroburgo.

/*-*\ Ultimo sondaggio politico, e' boom per movimento 5 stelle

Grillo al massimo storico, il M5S diventa il quarto partito italiano.


 Scendono Pdl e Lega, salgono il Terzo Polo e il Centrosinistra.






Non ci sono commenti da fare , a voi la lettura di questo ultimo sondaggio SWG sulle intenzioni di voto degli italiani



2012-01-18

/*-*\ IMU , cosa dice il nuovo regime di imposte sugli immobili


Ricordiamo che, secondo il testo della manovra, l’aliquota base dell’Imu è fissata allo 0,76 per cento. Ai Comuni è riconosciuto un margine d’azione al rialzo o al ribasso dello 0,3 per cento. 
L’imposta è ridotta allo 0,4 per cento per l'abitazione principale e le sue pertinenze, con possibilità di manovra dei Comuni nei limiti dello 0,2 per cento.

Le prime case godono di una detrazione base di 200 euro, cui se ne aggiunge una commisurata al numero di figli a carico.




Nel 2012 e 2013, infatti, la detrazione base sarà maggiorata di 50 euro per ogni figlio a carico di età non superiore a 26 anni, fino a un massimo di 400 euro. Sommando i due bonus, si può raggiungere uno sgravio di 600 euro.
I fabbricati rurali a uso strumentale pagano invece un’aliquota dello 0,2 per cento, che può essere ridotta fino allo 0,1 per cento dal Comune di riferimento.

2012-01-17

/*-*\ Goodbye contante, che succede adesso a chi spende oltre 1000 euro ?


Oltre a promuovere la crescita e lo sviluppo, la Fase Due del governo Monti si è promessa di combattere apertamente l'evasione in ogni modo. In tal senso, oltre al maxi-cervellone Serpico, a spiccare tra le misure del Decreto Salva Italia, è indubbiamente l’abbassamento della soglia massima per i pagamenti in contanti. Il comma 1, dell’art. 12, della manovra, ha infatti disposto la riduzione da 2.500 a 1.000 euro del limite che vieta l’utilizzo dei contanti, dei libretti e dei titoli al portatore come mezzi di pagamento. Ciò significa che dal 1° febbraio 2012 se volessimo comprare un computer, una fotocamera o un telefonino di ultima generazione superiore alla sopracitata cifra saremo costretti a scegliere, a seconda dei casi, tra un bonifico, un assegno non trasferibile o una carta di credito.
L'obiettivo è rendere tracciabile ogni pagamento, in maniera da creare maggiori complicazioni a chi paga in nero, poiché la nuova disposizione obbliga l’utilizzo di strumenti di pagamento, che devono lasciare, appunto, traccia delle transazioni. La norma è in vigore dal 6 dicembre scorso, giorno in cui è l'esecutivo tecnico ha approvato il decreto legge 201/2011, il cosiddetto Decreto Salva Italia. E' comunque previsto un periodo di tolleranza, che scade questo mese, per fare in modo che gli italiani si adattino al nuovo sistema  Ma a partire dal 1° febbraio scatteranno le sanzioni per chi viola le norme in materia di tracciabilità. Le transazioni di 1.000 e più euro effettuate in contanti verranno punite con una multa di minimo 3 mila euro e una segnalazione al fisco.

Denaro in contante

Come detto, saranno vietati i trasferimenti pari o superiori a € 1.000 tra soggetti diversi. Gli unici strumenti permessi saranno: bonifici bancari, carte di credito, bancomat, assegni bancari e circolari non trasferibili. E' importante ricordare che i pagamenti sopra la suddetta soglia, effettuati utilizzando contestualmente più strumenti fra quelli menzionati, sono altresì vietati (ad esempio: un pagamento di 1.500 euro totali, viene effettuato con 800 euro in contanti e un assegno, libero, di 700 euro).
Il prelievo da uno sportello bancomat superiore ai 999,99 euro è permesso. Non trattandosi di una transazione tra soggetti diversi, è possibile dunque anche prelevare cifre superiori ai 1.000 euro. Allo stesso modo sarà possibile effettuare operazioni oltre 1.000 euro su un conto corrente cointestato con il coniuge.




Assegni e vaglia postali

Come si legge all’art. 49 del Decreto, il divieto interessa anche gli assegni bancari e postali, gli assegni circolari, i vaglia cambiari e postali pari o superiori a 1,000 euro, qualora questi non includono l'indicazione del nome o la ragione sociale del beneficiario e/o se non si scrive che l’assegno o il vaglia sono “non trasferibili“.

Libretti al portatore

Entro il 31 marzo 2012 i libretti al portatore con saldo pari o superiore a 1.000 euro dovranno essere estinti, portati ad un importo inferiore al suddetto limite o trasformati in libretti nominativi.

Sanzioni

In tutti i casi citati precedentemente (trasferimenti di contante o libretti e titoli al portatore per una somma  pari o superiore a 1.000 euro, emissioni di assegni senza specificare il nome del beneficiario e/o la clausola di non trasferibilità) si va incontro ad una multa dall’1% al 40% dell’importo oggetto di trasferimento, fermo restando che la sanzione minima equivale a 3.000 euro per tutte le operazioni e ad un minimo di 15.000 euro per operazioni oltre i 50.000 euro. Per importi fino ai 250.000 euro è prevista la possibilità di oblazione. E', inoltre, da tenere presente che la multa è applicabile non solo al soggetto che effettua il trasferimento in contante superiori al limite disposto ma anche a colui che lo riceve.

2012-01-16

/*-*\ Le piu' belle vignette da non perdere














/*-*\ Quanto costa meno un biglietto aereo su internet ?


Dare una valutazione precisa e sicura ovviamente e' impossibile in quanto ci sono troppe variabili ( periodo dell'anno per la partenza, tipo di tratta , compagnia , aumento o diminuzione costa carburante ecc ) ma un economista giapponese , tale Makoto Watanabe ha elaborato una equazione che calcola il giorno per avere un prezzo piu' basso.

La equazione ∏A = gUG + min(k – g, (1 – g)(1 – r))

Professor Makoto Watanabe e Professor Yoshiyuki Sankai
calcola come trovare il periodo migliore per una tariffa low cost. Secondo questa formula, i prezzi più bassi si trovano 8 settimane prima della partenza, e Watanabe spiega anche il perché.
Prenotare con troppo anticipo è economico, ma altrettanto pericoloso, perché si rischia di non poter partire: di conseguenza, si cancella il viaggio e si spendono soldi inutilmente.
Acquistare gli ultimi giorni, quando si è certi di partire, non è conveniente perché le migliori offerte sono esaurite e i biglietti arrivano a costare quasi quanto un aereo di linea normale.

Il momento migliore per prenotare un volo low cost è, quindi, otto settimane prima del viaggio, quando si è abbastanza certi di poter partire.



Ma l’economista giapponese va oltre e aggiunge che le tariffe migliori si trovano il pomeriggio. Secondo Watanabe, la mattina i siti delle compagnie aeree vengono presi d’assalto da chi viaggia per affari, e quindi è disposto a spendere di più.
Mentre di pomeriggio ci sono più persone interessate a viaggiare per vacanza, magari senza avere una data precisa di partenza, e quindi alla ricerca di viaggi scontati e biglietti low cost.

Una cosa è certa: comprare un volo low cost all’ultimo minuto non è assolutamente conveniente.

/*-*\ Il puzzle piu' grande del mondo 32256 pezzi



Vuoi affrontare una sfida da Guinnes ? Sei un appassionato di puzzleRavensburger che e' uno dei piu' grandi e antico pruduttore di puzzle ,  presenta il puzzle di serie più grande del mondo, 32256 (trentaduemiladuecentocinquantasei) pezzi. Lungo 5,44 metri, alto 1,92 metri per un peso di circa 17kg (nella confezione è incluso un trolley per il trasporto). Gigantesco, immenso, pazzesco!
La tecnologia Softclick garantisce una perfetta coesione dei pezzi. Il puzzle si stende alla perfezione e non si deforma. Ogni pezzo è unico e realizzato artigianalmente con la stessa precisione.
Il puzzle è al tempo stesso un'opera d'arte, rappresenta infatti un'antologia delle opere del celebre artista statunitense Keith Haring (1958-1990).


Nato a Reading in Pennsylvania nel 1958 Keith ha studiato alla rinomata School of Arts di New York, è stato uno degli esponenti più importanti del graffitismo di frontiera: i suoi lavori hanno rappresentato la cultura di strada della New York degli anni ottanta.
Tutto quello di cui hai bisogno è tanta pazienza, una stanza spaziosa e un po' di tempo libero.





Coraggio, ti aspetta una grande sfida, una sfida da Guinnes dei primati. Affrontala da solo o in compagnia.
Lo trovi su internet a circa 270,00 euro , si dice che mediamente per realizzarlo ci vogliono 3 anni , 8 persone e 10 ore al giorno, realizzato puo' valere anche 20000 euro
Il puzzle commerciale più grande del mondo ( primato ufficiale Guinness World Records )

2012-01-15

/*-*\ Quanto tempo devo conservare i documenti?


Abbonamento tv. Cinque anni è il termine di legge, ma una sentenza del tribunale di Torino lo ha esteso a 10 anni.
Acquisto di beni ed apparecchiature. 1 anno (2 anni per gli acquisti da negozianti da parte del consumatore finale).
Affitto. Le ricevute dei pagamenti mensili o trimestrali vanno conservate 5 anni.
Alberghi. Sei mesi. Entro questo periodo, infatti, l'albergatore può chiedere nuovamente il pagamento del conto.
Appalti. 2 anni dalla scoperta del danno per la contestazione di vizi non gravi; 10 anni per i vizi gravi. Le fatture o ricevute degli artigiani, vanno conservate per 3 anni.
Assicurazioni
. Basta 1 anno dalla scadenza della rata della polizza , salvo altri tempi previsti dal contratto. Ma se le quietanze sono state utilizzate a fini fiscali come capita, per esempio, con le polizze vita, si devono tenere, invece, per cinque anni.
Banca. I bonifici, i pagamenti tramite c/c vanno conservati per 10 anni.
Bollette
. Per le fatture di pagamento delle utenze domestiche (acqua, gas, luce, telefono) il termine è di 5 anni dalla data di scadenza del pagamento e ciò vale, per legge, anche se sono saldate con domiciliazione bancaria da cui appare che i precedenti pagamenti sono stati effettuati regolarmente: in questo caso è importante conservare anche gli estratti conto della banca dove viene attestato ogni volta il pagamento. Il termine aumenta se vi sono contestazioni in corso.
Bollettino ICI. Basterebbero 5 anni dall'anno successivo a quello del pagamento, ma in tutte le Finanziarie scorse, il termine è stato prorogato a 6 anni.
Bollo auto. Tre anni dalla data di scadenza, anche se l'autovettura è stata venduta. Ma una sentenza della Corte di Cassazione ha prorogato il termine di 4 mesi, per questo è meglio conservare il documento per 4 anni.
Cambiali. 3 anni dalla loro scadenza.
Contravvenzioni stradali. Le sanzioni per violazioni al Codice della strada si prescrivono in un quinquennio decorrente, di regola, dal giorno della notificazione del processo verbale di constatazione (articolo 209 del Codice della strada, che richiama l'articolo 28 della legge 24 novembre 1981, n. 289), ma fatte salve le cause di interruzione (esempio: notificazione della cartella di pagamento dopo il verbale, ma prima del compimento del quinquennio; la notificazione fa decorrere un altro quinquennio).
Il fermo amministrativo degli autoveicoli per ora è inoperante, in quanto prima il Tar Lazio (seconda sezione, ordinanza 23 giugno 2004, n. 3402) e poi il Consiglio di Stato (quarta sezione, 13 aprile 2004, n. 3259) hanno ravvisato l'illegittimità delle norme di esecuzione. La minaccia del provvedimento rimarrà pertanto senza effetti, almeno fino a quando non saranno emanate nuove disposizioni per la disciplina del fermo (agenzia delle Entrate, risoluzione 22 luglio 2004, n. 92/E).





Dichiarazioni dei redditi. Le ricevute dei pagamenti delle tasse e dell'Iva, degli oneri deducibili e detraibili (compresa la detrazione Irpef del 41% o del 36%) si possono "eliminare" solo dopo 5 anni a partire dall'anno successivo a quello della dichiarazione annuale (quindi 6 anni).
Documentazione casa. I documenti relativi alla ristrutturazione della casa con detrazione fiscale (fatture, ricevute, bonifici bancari e tutta l'altra eventuale documentazione comprovante le spese di ristrutturazioni) vanno conservate 5 anni, fino a quando, cioè, non si prescrive il periodo di imposta nel quale sono state sostenute le spese.
Estratti conto bancari. Le banche di solito accettano contestazioni entro i 60 giorni dall'invio, ma si hanno 10 anni di tempo per impugnare l'estratto conto in caso di errori ed omissioni.
Mutui e pagamenti rateali. 5 anni dalla scadenza della singola rata, anche se è consigliabile prorogare la conservazione fino a cinque anni dopo la scadenza del mutuo o, meglio ancora, per sempre.
Scontrini d'acquisto. Se lo scontrino vale anche come garanzia, va conservato per tutta la durata della stessa.
Rate condominiali e di pagamento in generale . 5 anni.
Rette scolastiche
. 1 anno il periodo di tempo per cui vanno conservate le ricevute delle iscrizioni a scuole o palestre private, lezioni.
Ricevute spedizionieri e trasportatori. Vanno tenute per 1 anno (oppure 18 mesi se il trasporto inizia o finisce fuori dall'Europa).
Spese condominiali. 5 anni.
Tassa nettezza urbana. La "prova" del pagamento va tenuta fino al 31 dicembre del quarto anno successivo al pagamento, anche se l'ipotesi più accreditata è di 10 anni.
Gli "intoccabili". Vi sono infine documenti dei quali è opportuno non disfarsi e che è meglio conservare per sempre. Sono: i diplomi scolastici, le lettere di assunzione, di licenziamento o di dimissioni, il libretto di lavoro, le buste paga, gli atti di matrimonio, di separazione e di divorzio, i contratti di affitto, gli atti notarili di compravendita, gli atti di proprietà della casa (mappa catastale, abitabilità, collaudo di opere in cemento armato, autorizzazioni edilizie), le ricevute di pagamento delle rate dei mutui, i contributi previdenziali Inps, i risultati di esami medici, le sentenze di tribunale, le denunce di smarrimento o di furto.

2012-01-13

/*-*\ Ultima cena di Leonardo da Vinci


L'Ultima Cena di Leonardo da Vinci rappresenta in assoluto una delle opere d'arte più importanti di tutti i tempi, sia per la sua carica innovativa che per l'impatto che ebbe sugli artisti di tutte le epoche, dai contemporanei a Warhol.




Leonardo rappresenta il momento più drammatico del Vangelo quando Cristo annuncia il tradimento di uno degli apostoli "In verità vi dico uno di voi mi tradirà".
È una scena agitata attorno al fulcro immobile costituito dalla figura di Gesù, che si richiama al Cristo Giudice del Giudizio Universale. Attorno a lui convergono gli apostoli sistemati a gruppi di tre, secondo le diverse reazioni alle parole di Cristo: di domanda, di scandalo, di timore, di commozione, "i moti dell'animo". 


 Da notare anche come i movimenti degli apostoli sono più convulsi verso il centro del tavolo e più pacati verso gli estremi.
Questo perché, come avviene nella realtà, le parole vengono udite con più difficoltà all'aumentare della distanza, secondo le leggi acustiche che Leonardo studiava proprio in quegli anni: "il più vicino meglio intende il più lontano manco ode".





Tutta la scena è illuminata da una luce fredda e limpida che rivela in modo analitico i particolari della scena, estremamente raffinati: i cibi, i piatti, i bicchieri in vetro trasparente, le stesse pieghe della tovaglia che creano delle straordinarie nature morte.




tratto dal sito www.ilgeniodavinci.com 

/*-*\ L'orologio della fine del mondo


A gennaio del 2011 il consiglio di scienziati del Bulletin of the Atomic Scientists si è accordato per spostare indietro di un minuto l’Orologio dell’Apocalisse nucleare, portando così a 6 i minuti dalla mezzanotte.
L’Orologio dell’Apocalisse è un orologio simbolico creato dagli scienziati della rivista Bulletin of the Atomic Scientists nel 1947 dopo l’attacco nucleare su Hiroshima e Nagasaki da parte degli Stati Uniti. Lo scopo era di creare un misuratore che potesse valutare in maniera tangibile il rischio di un conflitto atomico devastante. Più le lancette sono prossime alla mezzanotte e più il rischio dell’Apocalisse nucleare sarebbe imminente. Naturalmente lo spostamento indietro indica un miglioramento della situazione internazionale.

Nel 1947 gli scienziati decisero che i minuti alle ore 12 dovevano essere 7 e da allora l’Orologio è stato spostato per 19 volte in base al reale pericolo di un conflitto atomico.  Il periodo di massima vicinanza alla fatidica ora fu tra il 1953 e il 1960. Nel 1953 i minuti che separavano le lancette dalla mezzanotte dell’orologio simbolico furono 2, la tensione era alta: appena un anno prima un’isola dell’Oceano Pacifico fu distrutta da un esperimento atomico; Usa e Urss avevano brevettato la terrificante bomba all’idrogeno. In realtà il maggiore rischio di un conflitto atomico si ebbe nel 1962 quando durante la ‘Crisi dei missili di Cuba’ sembrava che la ‘Guerra Fredda’ tra Stati Uniti e Unione Sovietica potesse diventare ‘calda’, gli statunitensi non accettavano le installazioni di basi missilistiche sull’isola cubana; mai uno stato satellite dell’Unione Sovietica era stato così vicino al loro territorio. Fortunatamente la mediazione tra John Fitzgerald Kennedy e Chruščëv scongiurarono un conflitto atomico e poiché la crisi durò 13 giorni non ci fu il tempo materiale per aggiornare l’orologio.





Il periodo di massima lontananza dalla mezzanotte fu tra il 1991 e il 1994 quando a separare l’umanità dal disastro atomico erano 17 minuti. Correva l’anno 1991 e si sciolse l’Unione Sovietica, si pose così fine alla ‘Guerra Fredda’; dopo l’illusione di una distensione duratura già nel 1995 i minuti furono portati a 14 a causa dei problemi politici e sociali nelle repubbliche che ottennero l’indipendenza dall’URSS. Inoltre forte era il sospetto che i russi potessero vendere al mercato nero gli armamenti nucleari. Da allora per altre 3 volte furono aggiunti minuti fino ad arrivare al 2007 con  5 minuti dalla mezzanotte: preoccupava il riarmo nucleare di Corea del Nord e Iran, inoltre Stati Uniti e Russia dichiararono di non voler il rinunciare alle testate nucleari.

Finalmente, anche se di poco, le lancette indietreggiate indicano che il rischio di una catastrofe atomica globale è diminuito. Quest’ utlimo spostamento delle lancette è stato così giustificato dal consiglio del Bulletin Atomic Scientits: “Spostando indietro le lancette di un solo minuto, vogliamo mettere in evidenza quanto ancora manchi al raggiungimento della sicurezza, mentre nello stesso tempo ravvisiamo accenni di collaborazione degli USA, della Russia, dell’Unione Europea, dell’India, della Cina, del Brasile e di altri per lo smantellamento degli armamenti nucleari e per la stabilizzazione del clima”.

/*-*\ C'è crisi , gli orologi più costosi del mondo

La top ten degli orologi più cari del mondo è stata stilata  al magazine finanziario Forbes, ed anche in un periodo di crisi così nera, sembra che se ne vendono parecchi, per noi poveri mortali non ci rimane altro che guardarli.Mai come in questa occasione, la frase - il tempo è denaro -, è stata così veritiera,  misurarlo può essere molto costoso: lo dimostra un'impressionante selezione dei dieci orologi e cronografi più cari del mondo. Faccio la classifica al contrario in modo da non scioccarvi subito.
BREGUET Grande Complication Pocket
 Watch 1907BA/12
Apriamo con il 10° posto ,  il modello da tasca BREGUET Grande Complication Pocket Watch 1907BA/12: frutto della secolare esperienza della maison svizzera fondata nel lontano 1775 (oggi controllata da Swarch Group), è dotato di un meccanismo che, oltre a proteggere l'orologio dalla forza di gravità, fornisce velocità e precisione spaccando il secondo,  tanto da giustificare il prezzo di 734 mila dollari.
 E andiamo al 9° posto , il BLANCPAIN 1735 Grande Complication: in questo elegante cronometro da polso con cassa in platino che raccoglie ben 740 dettagli in filigrana, tutti lavorati e assemblati a mano dai maestri orologiai della celebre casa svizzera, il quadrante mostra un calendario perpetuo, le fasi lunari e persino una frazione di secondo. Per un valore di oltre 766 mila dollari.


LOUIS MOINET Magistralis

Proseguiamo all’8° posto,  per poco più di 860 mila dollari è possibile acquistare un elegante orologio LOUIS MOINET Magistralis con cassa dorata che custodisce un pezzo di meteorite lunare di 2000 anni fa.
HUBLOT Black Caviar Bang
Per il settimo posto serve, invece,  un milione di dollari per lo sfavillante HUBLOT Black Caviar Bang, in oro bianco con 322 diamanti e pietre preziose.


CHOPARD Super Ice Cube
O se volete fare un regalo mozzafiato , al sesto posto con soli  1 milione e 100 mila dollari si può ottenere un favoloso CHOPARD Super Ice Cube, che la prestigiosa casa ginevrina ha interamente tempestato con 66 carati di diamanti.

PATEK PHILIPPE Sky Moon Tourbillon
Siamo arrivati al quinto posto con un valore di 1,3 milioni di euro,  famoso orologio double-face PATEK PHILIPPE Sky Moon Tourbillon: considerato l'orologio da polso più tecnologicamente sofisticato e perfetto della storica maison svizzera, su un lato del quadrante indica il tempo solare medio e il calendario perpetuo, mentre sul lato fondocassa consente di visualizzare la carta del cielo notturno, il movimento angolare della luna, le fasi lunari e l’ora siderale.





VACHERON CONSTANTIN Tour de l'Ile
Molto simile  ma ancor più complesso e costoso, segue in quarta posizione il VACHERON CONSTANTIN Tour de l'Ile, da 1,5 milioni di dollari. Frutto dei 250 anni d'alta orologeria della casa svizzera, questo modello, che molti esperti considerano l’orologio più avanzato e sofisticato del mondo, è prodotto in soli 7 esemplari rigorosamente numerati. Con ben 834 componenti racchiusi nella cassa in oro a due quadranti, oltre a indicare ore e minuti, è dotato di calendario perpetuo (giorno settimanale, giorno mensile, mese, anno bisestile) e consente di visualizzare le fasi lunari, i fusi orari, la carta astrale del cielo, il sorgere e il tramonto del sole.
PATEK PHILIPPE
Platinum World Time
Infine, con  4 milioni di dollari, siamo al terzo posto con un capolavoro griffati PATEK PHILIPPE: il cronometro "Platinum World Time", che come suggerisce il nome, è in grado di visualizzare tutti i fusi orari del pianeta, grazie ad un singolare display semplice e intuitivo

PATEK PHILIPPE  Supercomplication
Al secondo posto ancora un prodotto PATEK PHILIPPE , il “Supercomplication” da tasca: creato nel 1932 - con ben 24 complicazioni - per il banchiere newyorkese Henry Graves Junior, recentemente è stato venduto all'asta da Sotheby's per ben 11 milioni di dollari.

201-carat Chopard
Ed ecco la primo posto, con il record assoluto per l'orologio più costoso appartiene alla maison CHOPARD, che se lo è conquistato creando un favoloso "201-carat Chopard" da 25 milioni di dollari, composto da minuscolo quadrante sommerso da una cascata di diamanti gialli, rosa e blu, per un totale di 201 carati.