Post in evidenza

Il cartone animato per bambini più bello del mondo

Sicuramente è uno dei più bei cartoni animati per bambini del mondo. PRESENTAZIONE DI SKINNY E DEL SUO MONDO Skinny è un piccolo del...

2012-01-09

/*-*\ Tanzania , Cipro , ecco dove investe la LEGA NORD

pagina della Padania sull'africa
Il tesoriere nazionale della Lega nord ha fatto una bella pensata: visto che abbiamo parecchia liquidità, perché non incestiamo stì soldi all’estero? E così avrebbe preso circa 8 milioni di euro di rimborsi elettorali per investirli in Tanzania, in Danimarca e a Cipro. Operazioni legali, chiaramente.
La scelta del tesoriere padano genera comunque qualche perplessità. Intanto, se si chiamano rimborsi elettorali dovrebbero servire a coprire le spese sostenute per la campagna elettorale; se avanzano tutti questi milioni di euro risulta evidente che la quota dei rimborsi è di molto superiore alle spese e quindi andrebbero tagliati drasticamente. Ci sarebbe poi il piccolo dettaglio dell’opportunità della scelta di sostenere con soldi pubblici italiani, dei contribuenti italiani, le economie di altri paesi. Oltre a non essere chiaro per quale motivo la Lega lasci che il suo - pur pessimo - quotidiano continuai a scivolare verso il fallimento senza dedicargli quei soldi, viene da domandarsi se non sarebbe stato più opportuno investire 8 milioni in Italia, magari in fondo celtici di qualche banca del nord.
Ecco il giro dei soldi: il 14 dicembre «un investimento in 7,7 milioni di corone norvegesi (poco più di un milione di euro) vincolato per 6 mesi a un interesse del 3,5%»; il 28 dicembre «1,2 milioni di euro per l'acquisto di quote del fondo Krispa Enterprise ltd » di base a Larnaca, nell'isola di Cipro, e infine il 30 dicembre «il collocamento di 4,5 milioni di euro in Tanzania. È l'ultimo spostamento dell'anno e, nei fatti, svuota una delle dotazioni consegnate a Banca Aletti da Belsito per conto della Lega Nord». Totale: quasi 8 milioni di euro in una decina di giorni, se si aggiungono anche i movimenti-base di 700.000 euro trasferiti ad altri conti del partito, di 450.000 euro emessi in assegni circolari e di 50.000 euro ritirati in contanti direttamente da Belsito. L'operazione in Tanzania, inoltre - specifica Il Secolo XIX - «coinvolge il consulente finanziario Stefano Bonet, coinvolto in un rocambolesco fallimento societario nel 2010 e in affari con l'ex ministro "meteora" Aldo Brancher».




Il tesoriere del Carroccio - che come sanno tutti i lumbard è figura con un enorme autonomia decisionale e, di fatto, rende conto solo al grande capo Umberto Bossi - ha risposto con fastidio alle domande del quotidiano ligure: «Queste informazioni sono una grave violazione della privacy e delle regole bancarie». E però non si è sottratto all'intervista, spiegando che i soldi investiti arrivano dal finanziamento pubblico - «rimborsi elettorali» - che personalmente non conosce l'entità delle operazioni perché «noi ci affidiamo a banche e promotori di cui ci fidiamo» e che i contanti prelevati sono serviti a rimborsare «spese per i nostri collaboratori». Gli spostamenti all'estero, poi, «non sono operazioni in paradisi fiscali ma investimenti alla luce del sole. Noi investiamo con concretezza, ci fidiamo dei nostri consulenti e scegliamo le cose migliori». Anche se in quel periodo i Bot rendevano più del 6%? «Evidentemente quei fondi erano più convenienti

dove si trova la tanzania